Search
  • Massimiliano Becco Gagliardo

Il bambino dentro di me



Se hai subìto un trauma hai imparato a sopprimere e negare i tuoi sentimenti. Questo in qualche modo ti ha permesso di sopravvivere, perché ti ha consentito di scollegarti dalle tue emozioni e dalla tua sofferenza.

Per intraprendere la via della guarigione, però, è importante connetterti nuovamente alle emozioni che hai tagliato fuori tempo fa e raggiungere il profondo di te stesso per arrivare al tuo bambino interiore.

Molti di noi dimenticano quel piccolo bambino che è stato parte di noi, il bambino che siamo stati, con le sue paure, insicurezze e il disperato bisogno di essere amato. Eppure, dentro di noi, quel bambino interiore esiste ancora.

Per guarire le tue ferite del passato devi amare, confortare e nutrire il bambino che è dentro di te. Conosci il bambino dentro di te. Impara a trattarlo come un bravo genitore farebbe con il suo amato figlio. Ascolta le sue esigenze. Il tuo bambino interiore ha bisogno di sapere che può fidarsi che tu (la parte adulta di te) non lo trascurerai e non lo abuserai come hanno fatto gli altri adulti nella sua vita. Sfortunatamente, spesso finiamo con il perpetuare il ciclo trascurando e abusando il nostro bambino interiore come i nostri genitori hanno fatto con noi. Ignoriamo il nostro bambino, ci vergogniamo di lui, non ci prendiamo cura di lui in modo appropriato. Facciamo finta che i suoi sentimenti di paura e insicurezza e il suo bisogno di essere amato non esistono.

Comincia a ricordarti che tipo di bambino sei stato. Chiudi gli occhi e visualizza il tuo bambino quando aveva bisogno di nutrimento e protezione. Prendi l'intera immagine, compresa l'espressione facciale e la postura del corpo. Puoi immaginarti da neonato, da bambino piccolo o più grande. L'immagine è significativa, dal momento che può rappresentare il momento in cui hai avuto più bisogno. Accetta questo bambino interiore che è stato emotivamente deprivato e ha dovuto far finta che le emozioni non esistessero. Non continuare a deprivarlo dell'amore e del supporto che con tale urgenza reclama e piange per avere.

Un buon modo per identificare e prenderti cura del tuo bambino interiore è comprare un animale di peluche o una bambola. Ricordi il meraviglioso calore e senso di sicurezza che sentivi mentre abbracciavi il tuo peluche preferito? Il tuo bambino interiore ha bisogno di quel calore ancora una volta. Porta il tuo bambino interiore in un negozio e trascorri del tempo con lui per scegliere l'animale di peluche o la bambola adatto per il suo processo di guarigione. Molte persone resistono all'idea di prendere un animale di peluche o una bambola - è una cosa "sciocca" e "infantile" - e abbracciare un animale sembra imbarazzante. Ma molti superano velocemente queste resistenze, una volta che si concedono di sperimentare la sensazione che procura; realizzano così quanto il loro bambino interiore abbia bisogno di calore.

Un altro modo per riconoscere e prendersi cura del proprio bambino interiore è instaurare un dialogo con lui. Questo può avvenire a voce o per iscritto, una conversazione immaginaria tra la parte adulta di te e la parte bambina. Comincia il dialogo con una domanda del tipo "come stai oggi?", "cosa c'è che non va?", "sembri arrabbiato, qualcosa ti ha dato fastidio?". Con la pratica, il tuo bambino interiore riuscirà a esprimere come si sente. L'adulto sarà quindi in grado di ascoltarlo, consolarlo e diventare un "buon" genitore.

È importante continuare il dialogo con il tuo bambino interiore. Controlla spesso come si sente. Ascoltalo da vicino. Ti dirà di cosa ha bisogno per sentirsi più al sicuro. Ti dirà quando lo trascuri (ovvero trascuri i tuoi bisogni emotivi). Se gli dai quello di cui ha bisogno, sarai maggiormente in grado di continuare il tuo processo di guarigione fino alla fine.
0 views0 comments

Recent Posts

See All